Home  
  
  
    Fargli perdere le cattive abitudini
Cerca

I cani
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le cattive abitudini del cane

Un cane acquisisce cattive abitudini quando la sua educazione è stata eccessivamente lassista. È possibile riprendere il controllo della situazione a qualsiasi età, ma attenzione: se si ha a che fare con un cane dal carattere dominante e che non è pronto ad abbandonare i suoi privilegi, è indispensabile chiedere l'aiuto di un istruttore cinofilo.

Fargli perdere le cattive abitudini
© Getty Images

È sempre più semplice educare bene il proprio cane fin da quando è cucciolo piuttosto che tentare di correggere la situazione quando è ormai adulto. Tuttavia, quando si adotta un cane già adulto ci si trova qualche volta di fronte ad alcune carenze educative da parte dei vecchi proprietari. Bisogna quindi approfittare del cambio di famiglia e di territorio per mettere subito in pratica alcune regole per un comportamento corretto.

I cinque comandamenti di una buona educazione

1 • Delimita il suo territorio: in primo luogo, impediscigli l'accesso ad alcune stanze, a cominciare da quelle considerate le più importanti del territorio (la camera da letto). Anche in una stanza a cui gli è consentito l'accesso, alcuni mobili come il divano gli sono comunque preclusi. Per mantenere una certa coerenza non cambiare le regole da un giorno all'altro e chiedi a tutti i componenti della famiglia - anche al più piccolo dei tuoi figli - di applicarle.

2 • Trovagli un angolo tutto suo: dopo aver trovato un posto tranquillo della casa in cui sistemare la sua cesta - da cui non riesca a controllare i tuoi movimenti - non cambiarlo più. Mandalo lì a coricarsi per dormire o quando vuoi rilassarti in compagnia dei tuoi amici. Eviterai così che continui a saltare su di loro infastidendoli. Insegna ai tuoi figli a rispettarlo quando è nel suo cantuccio: nessuno lo deve disturbare.

3 • Dagli da mangiare con regolarità: da adulto, bastano uno o due pasti al giorno. Il cibo gli deve venire servito solo dopo che tutti i componenti della famiglia hanno terminato di mangiare. Lasciagli stare la ciotola al massimo una mezz'ora prima di toglierla. Non dargli niente da mangiare mentre sei a tavola, altrimenti rischi di farlo diventare un accattone e un ladro. Infine, non rimanere a osservarlo mentre mangia; occupati piuttosto di altre cose.

4 • Portalo fuori tutti i giorni a passeggio: se non ha alcuna occasione di sfogarsi ogni giorno fuori casa, rischi di trovarti buche in giardino e danni di vario genere in casa. Quando sei fuori, tienilo d'occhio, altrimenti devi continuare a portarlo al guinzaglio finché non obbedisce al richiamo. Infatti, proprio perché è un predatore, l'istinto potrebbe spingerlo a correre dietro a tutto ciò che si muove: corridore, cane, gatto… con il rischio di provocare un incidente. Se fa finta di scappare, digli "no" e dai uno strattone al guinzaglio per riportarlo verso di te.

5 • Dai la caccia ai comportamenti sgradevoli e stimola quelli buoni: ad esempio, per insegnare al cane a coricarsi, digli "cuccia" nel momento in cui si corica da solo e fagli i complimenti come se avesse appena compiuto un'impresa. Devi fare la stessa cosa per insegnargli a sedersi o a ritornare da te. Per quanto riguarda gli abbai, puoi insegnargli a modularli: ad esempio, se abbaia dietro a un uccello in giardino digli "no" e mandalo a coricarsi al suo posto. Ma se abbaia perché qualcuno ha suonato alla porta di casa, fagli i complimenti, poi digli "stop". Il cane capirà che il suo ruolo è dare il segnale di allerta, ma che quando intervieni tu può smettere di abbaiare…

 

Nathalie Szapiro 

Commenta
30/05/2011
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale