Home  
  
  
    Nutrire correttamente il proprio roditore
Cerca

I roditori
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Nutrire correttamente il proprio roditore

Porcellini d'India, criceti, scoiattoli, gerbilli e conigli si nutrono di miscele di cereali, fieno, frutta e verdura. Inoltre, ciascuno di loro ha bisogno di rosicchiare. Ma le analogie finiscono qui.

Nutrire correttamente il proprio roditore
© Getty Images

Se dai da mangiare al tuo nuovo amico una miscela di semi non adatta o quantità eccessive di cibo, rischierà molto presto di ammalarsi perché roditori e conigli sono particolarmente fragili. Inoltre, se hai un porcellino d'India, gli serve della vitamina C ogni giorno per tutta la vita: 10 mg di vitamina C al chilo, al giorno, triplicando la dose per un piccolo in pieno sviluppo, una femmina gravida o un soggetto malato. Infatti, l'organismo della cavia non è in grado di sintetizzare questa preziosa vitamina e di immagazzinarne ingenti quantità…

A ciascuno la sua miscela di semi

Puoi trovare gli alimenti con cui nutrire tutti i tipi di roditori e di conigli o quasi, nella maggior parte dei negozi di animali. La quantità di cibo dipende dalla taglia dell'animale: se da 10 a 15 grammi sono sufficienti per un topo e un criceto, nel suo caso, un porcellino d'India consuma cinque volte di più rispetto a un ratto domestico, l'equivalente del 10% del suo peso (ovvero 60 grammi se ne pesa 600). Le miscele di semi sono indispensabili ma non bastano a saziare un roditore o un coniglio!

Serve anche un po' di fieno di buona qualità, una pietra da leccare o una soluzione a base di oligoelementi da mettere nell'acqua da bere, da cambiare tutti i giorni, una crosta di pane duro o un biscotto speciale per roditori, senza dimenticare un po' di verdura fresca. Poiché il fabbisogno di verdura è diverso da un roditore all'altro, meglio chiedere consiglio al tuo veterinario. Nel caso di un porcellino d'India, ad esempio, puoi dargli dell'erba medica, del trifoglio, dei denti di leone, dell'anagallide, delle ortiche, del grano, dell'orzo, delle carote, dei cetrioli o dei pomodori. Non si tratta di rimpinzarlo di verdura, ma semplicemente di dargliene qualche grammo per volta. In particolare, non dargli verdure potenzialmente intrise di pesticidi. Lavale e asciugale. In più, cambia l'acqua tutti i giorni e anche i semi se non vuoi che marciscano. Con il criceto, che ha l'abitudine di fare scorte di cibo, è pressoché inevitabile: siccome non puoi sottrarglielo senza stressarlo, togli con una pinzetta da depilazione i pochi semi che potrebbero marcire. Per evitare il rischio di diarrea (il punto debole della maggior parte dei roditori) è possibile somministrare fermenti lattici (parlane al tuo veterinario).

Alcuni stuzzichini

Puoi trovare facilmente in natura ciò di cui soddisfare un roditore o un coniglio. Purché, ovviamente, eviti i posti inquinati come i cigli delle strade! In particolare, puoi dare al tuo piccolo amico denti di leone, trifogli, vilucchio, foglie di alberi da frutto (meli, ciliegi, castagni), foglie di tiglio, di acacia e di acero. Prendi solo quelli che conosci perché molti vegetali sono tossici. Per la salute dei denti sono indispensabili dei rametti da rosicchiare: quelli dei noccioli e degli alberi da frutto, facili da trovare, sono perfetti. Inoltre, un topo o un ratto domestico gradisce anche un pezzetto di formaggio una volta ogni tanto!

 

Nathalie Szapiro


Commenta
07/06/2011
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale