Home  
  
  
    Come cambattere il caldo
Cerca

Benessere estivo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Vinci il caldo in dieci mosse!

Arriva l’estate e, oltre alla voglia di mare, il caldo porta con sé rischi per la salute causati dall’eccessivo aumento della temperatura. Per sopravvivere all’afa e ridurre il disagio, è importante sapere in che modo comportarsi e a chi rivolgersi in caso di emergenza. Doctissimo ti spiega come vincere il caldo in dieci semplici mosse.

Come cambattere il caldo
© Getty Images

Le ondate di calore si verificano quando si registrano temperature elevate, al di sopra dei valori medi, per più giorni consecutivi. I rischi sulla salute di questa condizione climatica estrema dipendono dall’intensità e soprattutto dalla durata del periodo di caldo. Gli effetti si verificano quando il sistema di regolazione della temperatura del corpo non riesce a disperdere il calore eccessivo attraverso il sudore (1). Il caldo intenso rappresenta dunque un serio pericolo per la popolazione, specie per la fascia più colpita: i cittadini che restano in città e non godranno del refrigerio di mare o montagna.

Come vincere il caldo

Il decalogo dei rimedi per fronteggiare l’emergenza caldo arriva puntuale come ogni anno dal Ministero della Salute. Informazioni e consigli utili per proteggersi dalle ondate di calore divulgati nell’ambito del progetto “Estate sicura”, dieci misure che si rivolgono ai cittadini e ai soggetti maggiormente a rischio: neonati, bambini, anziani, persone che assumono farmaci e persone che svolgono attività fisiche o lavorano regolarmente all’aperto (2).

Il vademecum per un’estate sicura

Per vincere il caldo, tieni in mente dieci semplici comportamenti:

  1. Esci di casa nelle ore meno calde della giornata evitando la fascia oraria 11.00-18.00.
  2. Indossa un abbigliamento comodo e leggero.
  3. Rinfresca l’ambiente di lavoro e domestico chiudendo le finestre nelle ore più calde della giornata e lasciale aperte durante la notte per permettere il ricambio d’aria e il raffreddamento dell’ambiente. Limita l’uso di fonti di calore (fornelli, ferro da stiro, phon) che tendono ad alzare la temperatura in casa.
  4. Abbassa la temperatura corporea sfruttando il potere rinfrescante dell’acqua (fare docce e bagni tiepidi, bagnarsi frequentemente il viso e le braccia con acqua fresca).
  5. Riduci il livello di attività fisica nelle ore più calde, preferendo il tardo pomeriggio o la sera.
  6. Bevi con regolarità almeno 2 lt di acqua al giorno anche quando non avverti lo stimolo della sete, e alimentati in maniera corretta. Bandisci gli alcolici dalla tua alimentazione e limita l’assunzione di bevande gassate, fredde che possono provocare congestioni e ad alto contenuto di caffeina. Scegli cibi leggeri con alto contenuto di acqua (frutta e verdura), evitando cibi grassi, piccanti e fritti. Fa attenzione alla modalità di conservazione degli alimenti che, a causa della temperatura, si alterano facilmente.
  7. Se esci in macchina: aera l’abitacolo prima di soggiornare abbassando i finestrini o accendendo l’impianto di climatizzazione. Fa attenzione nel sistemare i bambini nel seggiolone e verifica prima che questo non sia surriscaldato. Mai lasciare persone o animali dentro la vettura quando la si abbandona anche se per pochi minuti. Quando fa molto caldo i neonati ed i bambini piccoli sono esposti più degli adulti al rischio di un aumento eccessivo della temperatura corporea e alla disidratazione. Il colpo di calore (ipertermia) può rivelarsi fatale in questi soggetti.
  8. Conserva correttamente i farmaci lontano da fonti di calore o esposizione diretta ai raggi solari. Leggi sul retro della confezione o sul foglietto illustrativo a quale temperatura vanno conservati: da riporre in frigorifero i farmaci per i quali è prevista una temperatura di conservazione non superiore a 25-30° C.
  9. Adotta precauzioni particolari se sei a rischio o stai seguendo una terapia farmacologica (consulta il medico e segnala qualsiasi malessere per evitare interazioni con la terapia in corso).
  10. Presta attenzione alle persone  a rischio, non solo della tua famiglia ma anche del vicinato.

Vestiti a strati!

Per fronteggiare il caldo, scegli lo stile giusto. Prediligi indumenti leggeri, di fibre naturali quali cotone e lino, e di colore chiaro. Copri il capo con un cappello, indossa occhiali da sole che proteggono gli occhi dai raggi uv e applica sempre la crema solare protettiva. Quando sai che dovrai passare da un ambiente caldo a uno freddo e viceversa il consiglio è quello di vestirsi “a cipolla” o a strati. Scegli un abbigliamento comodo, evita i tessuti sintetici, usa canotte e maglie ma tieni sempre in borsa un giacchino leggero o una pashmina con cui ripararti in caso di sbalzi termici per evitare malesseri quali il raffreddore, il mal di gola e il colpo d’aria.

Climatizzatore o ventilatore?

Quando rinfrescare il microclima della casa non è più possibile attraverso semplici raccomandazioni domestiche, climatizzatori e ventilatori scendono in campo. La domanda più diffusa riguarda gli effetti che questi hanno sulla salute. Il climatizzatore, se usato con moderazione nel rispetto delle regole sul corretto utilizzo e la manutenzione, aiuta a ridurre sensibilmente la frequenza di effetti negativi sulla salute provocati dal caldo. Bisogna pulirne periodicamente i filtri per evitare accumulo di polveri e scorie e regolarlo di modo che la temperatura dell’ambiente sia pari a 25-27° C. Situazione diversa per i ventilatori: la loro funzione è quella di far circolare l’aria in tutto l’ambiente, ma se la temperatura dell’ambiente è superiore a 32°C i ventilatori si rivelano dannosi per la salute. Accelerando il movimento dell’aria la temperatura percepita diminuisce anche se in realtà rimane la stessa e, pur dando sollievo, stimolano la sudorazione e aumentano il rischio di disidratazione.

Quando esci di casa, ricorda di mettere in borsa una bottiglietta d’acqua fresca e tieni sempre un telefonino a portata di mano con i numeri telefonici dei tuoi cari o del medico curante da chiamare se accusi un malessere fisico.

Fonti:

1. http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_56_allegato.pdf

2. http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_opuscoliPoster_140_allegato.pdf

Commenta
04/08/2015
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale