Home  
  
  
    Curare l'insonnia
Cerca

L'insonnia
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Una cura per l'insonnia

Ad ogni tipologia di insonnia corrisponde una cura ben precisa. Non sempre è necessario ricorrere ad una terapia farmacologica per avere risultati. E' stato dimostrato come, per la cura dell'insonnia, la medicina alternative e le terapie comportamentali siano spesso più efficaci della medicina tradizionale. Per le insonnie occasionali è possibile ricorrere al fai-da-te, mentre per quelle di breve o lunga durata è sempre consigliabile chiedere consiglio al proprio medico (generico o omeopata). Scopriamo quali sono le principali terapie per l'insonnia.

Curare l'insonnia
© Getty Images

La terapia farmacologica per l'insonnia

La cura per l'insonnia con le medicine tradizionali deve essere rigorosamente prescritta e seguita da un medico. I medicinali prescritti per questa patologia agiscono principalmente sulle connessioni cerebrali e comportano quindi tutta una serie di possibili effetti collaterali da non sottovalutare. Le medicine utilizzate per la cura dell'insonnia appartengono alla famiglia delle benzodiazepine e degli antidepressivi.

Le prime aiutano ad addormentarsi in tempi rapidi mentre le seconde favoriscono un sonno più regolare ed aiutano a tenere sotto controllo l'ansia e lo stress. La cura farmacologica per l'insonnia non può essere troppo prolungata, per evitare l'insorgere di problemi a livello comportamentale e cognitivo. I medicinali possono essere utilizzati nei momenti critici, quando la mancanza di sonno incide in maniera significativa sulla salute della persona.

La terapia con melatonina per l'insonnia

Negli ultimi anni, sempre più medici consigliano di trattare l'insonnia con la melatonina. Non si tratta di un farmaco vero e proprio, in quando non contiene principi attivi di tipo chimico. I suoi effetti però sono del tutto simili a quelli di una medicina tradizionale, con il vantaggio di non avere particolari effetti collaterali (se non un leggero torpore durante il giorno).

La melatonina viene naturalmente prodotta dal nostro corpo attraverso la ghiandola pineale e ci aiuta a regolare i ritmi di sonno e veglia. Il suo quantitativo è però limitato e, nei periodi di maggior stress in cui prendere sonno e dormire diventa più difficile, il corpo non è in grado di produrne in quantità maggiore. E' qui che entrano in gioco gli integratori di melatonina. Esistono diverse tipologie di melatonina in commercio e sono tutte valide.

E' però consigliabile scegliere le formule in cui la melatonina viene ricavata dal cacao, un alimento naturalmente ricco di serotonina che favorisce il buon umore. Per un corretto utilizzo della melatonina è fondamentale rispettare le indicazioni riportate sul bugiardino all'interno della confezione, non seguirle potrebbe rendere inefficace il prodotto.

La terapia omeopatica per l'insonnia

Un grande aiuto nella lotta all'insonnia ci viene dalla medicina omeopatica. A seconda della tipologia di insonnia è però necessario scegliere il preparato omeopatico più adatto. I più utilizzati sono:

  • Chamomilla 9CH: particolarmente indicata per i più giovani, aiuta maggiormente quando l'insonnia è di tipo iniziale.
  • Gelsemium 15CH: da assumere quando l'insonnia è legata ad un avvenimento importante (una scadenza, un evento traumatico o un periodo di forte stress).
  • Nux Vomica 9CH: adatta a diversi tipi di insonnia (dallo stress alla digestione lenta) ma efficace in particolare sull'insonnia di tipo centrale.
  • Arnica montana 9CH: un rimedio specifico per l'insonnia da altitudine ma adatto anche per ogni tipologia di insonnia legata al cambio d'aria (mare, viaggio all'estero etc.).

Ecco i segreti sulla fitoterapia: scopri come curarti con le erbe e le piante officinali. 

La terapia a base di fiori di Bach per l'insonnia

Per le insonnie di tipo primario, ovvero quelle legate al proprio stato interiore, il rimedio migliore sono senza dubbio i fiori di Bach. La terapia con i fiori di Bach non è di tipo immediato ma agisce sul lungo periodo. Per questo è possibile integrarla con altre terapie omeopatiche più rapide. E' possibile utilizzare un solo fiore oppure optare per una combinazione di più elementi (in questo caso è consigliabile rivolgersi ad un omeopata per cercare di individuare la formulazione più adatta). I fiori di Bach più indicati per la cura dell'insonnia sono:

  • Agrimony
  • Impatiens
  • Vervain
  • Walnut
  • White Chestnut

L'agopuntura per la cura dell'insonnia

L'insonnia è uno dei principali disturbi che è possibile curare con la medicina cinese. L'agopuntura agisce sui ritmi di sonno-veglia, ricercando l'equilibrio perduto, ma anche sulla capacità di rilassamento. Secondo le teorie della medicina tradizionale cinese, l'insonnia è sempre collegata ad un malessere di un organo interno preciso, e su quello si deve agire con l'agopuntura.

Prima di sottoporsi ad un ciclo di terapia con agopuntura è opportuno scegliere con attenzione il centro medico a cui rivolgersi. Chiedete sempre consiglio al vostro medico. Per informarti su questa terapia alternativa Doctissimo risponde alle dieci domande più frequenti sull'agopuntura.

Lo yoga per la cura dell'insonnia

Un'altra medicina orientale utile per la cura dell'insonnia è lo yoga. Anche per i principianti è possibile effettuare qualche esercizio di rilassamento di base prima di andare a dormire per avvertirne i benefici. L'esercizio più semplice è la posizione classica: seduti con le gambe una sull'altra e la schiena ben dritta. Mantenendo questa posizione, iniziare a regolarizzare il respiro con inspirazioni ed espirazioni profonde.

Un quarto d'ora di rilassamento è sufficiente per raggiungere un buon livello di rilassamento. Per una terapia più mirata occorre rivolgersi ad un centro di yoga, dove sapranno proporvi un corso (singolo o di gruppo) adatto alle vostre esigenze. Per cominciare, cimentati nelle posizioni chiave con l'aiuto della nostra fotogallery.

Curare l'insonnia con la musicoterapia

La musicoterapia per curare l'insonnia non è un metodo adatto a tutti. Occorre essere convinti dell'efficacia della medicina alternativa per poterne trarre beneficio. Si possono trovare numerosi video su internet, nei quali vengono illustrate le teorie e proposti suoni e musiche terapiche. Anche in questo caso è sempre meglio rivolgersi ad un medico omeopata (o comunque ad un esperto di medicine alternative) per evitare di incappare in truffatori e falsi terapisti.

I centri di medicina del sonno

In tutta Italia sono nati di recente 16 centri di medicina del sonno. Sono dei poliambulatori, all'interno dei quali è possibile seguire diversi tipi di terapia per la cura dell'insonnia. Dalla terapia di tipo psicologico a quella cognitiva, dalle tecniche di rilassamento alle sedute di terapia di gruppo, sono molteplici i servizi offerti in questi centri. Chiedete al vostro medico l'indirizzo del centro di medicina del sonno a voi più vicino e contattatelo per maggiori informazioni. Doctissimo ti propone un articolo sulle psicoterapie nate per sconfiggere le notti insonni

Le regole per dormire bene

Esistono alcune regole di base per favorire un corretto sonno. Possono aiutare sopratutto nei casi di insonnia occasionale ma costituiscono anche una valida forma di prevenzione per l'insonnia.

I consigli per un sonno sano e regolare sono:

  • cercare di andare a letto sempre alla stessa ora
  • cenare almeno tre ore prima di coricarsi
  • evitare di consumare cibi pesanti e carne rossa a cena
  • limitare il consumo di alcoolici e bevande contenenti caffeina
  • non assumere droghe e limitare le sigarette
  • cambiare di frequente l'aria nella camera da letto (anche in inverno)
  • in estate tenere basso il condizionatore e non dormire mai con il ventilatore puntato addosso
  • non restare a letto se il sonno non arriva, meglio alzarsi a bere un bicchiere d'acqua o una camomilla
  • tenere sempre a portata di mano, durante la notte, un lettore cd o mp3 contenente musica rilassante
  • cercare di posizionare i mobili della stanza in modo tale che la testa del letto si trovi verso il nord, posizione che dovrebbe favorire il riposo
  • prima di dormire dedicarsi ad una attività rilassante come la lettura di un libro o un bagno caldo
  • cercare di svolgere almeno 30 minuti di attività fisica al giorno (mai la sera): il rilascio di endorfine favorisce un buon riposo notturno
  • evitare i pisolini durante il giorno e concentrare tutte le ore di sonno durante la notte

 

 

Fonti:

Associazione italiana di medicina del sonno

Insonnia? No, grazie! Guida pratica per vincere l'insonnia, Roberto Paganelli - Armando Editore

Dormire è facile – Con cd audio, Paul McKenna – Tea edizioni

Terapia con i fiori di Bach, Mechtild Scheffer – Tea edizioni

Commenta
10/03/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale