Home  
  
  
    Shantala: tecnica di massaggio per il bambino
Cerca

Massaggi
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Shantala: tecnica di massaggio per il bambino

Il neonato ha bisogno di essere nutrito, accudito e coccolato e ognuna di queste pratiche è importante come le altre: il contatto fisico con la madre è indispensabile per una crescita sana e completa, perché è proprio ciò che consente al bimbo di sentire di affiliazione e serenità.

Shantala: tecnica di massaggio per il bambino
© Getty Images

Nascere in un ambiente sereno e diffusione del massaggio shantala

Il parto è un momento molto delicato sia per la madre che per il bambino: è necessario quindi che siano prese precauzioni affinché non sia vissuto come un trauma soprattutto dalla parte del nascituro. Un noto ginecologo francese, Frédérick Leboyer, ha stabilito alcune regole per limitare lo stress subìto, come posare il neonato sul ventre della madre affinché possa sentire di nuovo il battito del suo cuore e tranquillizzarsi. Lasciare che madre e figlio stabiliscano un contatto fisico sin dall’inizio è molto importante per il corretto sviluppo sia psicologico che fisico del bambino.

Il ginecologo ha diffuso le sue idee di parto dolce in tutto il mondo e oggi le sue tecniche sono adottate in moltissimi ospedali. Inoltre, è stato il primo ad aver fatto conoscere il massaggio Shantala in Occidente negli anni Settanta; questo viene adottato dal medico come completamento della cura dedicata ai bambini durante e dopo il parto.

Che cos’è il massaggio shantala?

Il massaggio Shantala nasce in India e viene praticato sui neonati per trasmettere attraverso le mani l’energia e l’amore della madre; infatti, durante la gravidanza è normale accarezzare il pancione e quando il bambino viene al mondo è altrettanto importante che senta che il contatto con il genitore non sia cessato. È fondamentale quindi che il contatto fisico stabilisca un legame psicologico che può crearsi anche attraverso odori e carezze. È noto come i neonati riconoscano l’odore della madre e che si tranquillizzino immediatamente quando lo sentono. L’istinto, in queste fasi della vita, è più forte della ragione, trattandosi essenzialmente di cuccioli d’uomo.

Le donne indiane hanno iniziato a praticare questo massaggio centinaia di anni fa, avendo la necessità di preservare i bimbi dalle fatiche dell’attraversare i numerosi deserti di questo continente. Esse mettono a dura prova il loro fisico in questo sforzo, gravato dalla presenza dei loro pargoli che non devono sentire il peso di tale situazione. Il calore della madre, il suo odore, così come il suo tocco è indispensabile affinché il bambino riesca anche lui a superare le condizioni di vita di questi momenti. Esse utilizzavano un impasto di curcuma, olio di mandorle e farina integrale, con il quale creavano una pallina usata per massaggiare dolcemente senza irritare la pelle delicata del neonato.

I movimenti sono lenti e avvolgenti: si parte dall’addome arrivando agli arti e finendo sul viso e testa: un trattamento completo quindi, che coinvolge anche l’area genitale, sulla quale l’applicazione di olio specifico tiene lontani funghi e infezioni.

I benefici del massaggio shantala

È stato dimostrato che grazie a queste pratiche i neonati sviluppano maggiori difese immunitarie e hanno meno problemi di salute generale: l’energia trasmessa dalle mani della madre attraversa il corpicino del bambino che gode dell’amore e della protezione che essa gli trasmette.

La tecnica utilizzata da Shantala, la donna indiana da cui prende il nome, è molto antica: originariamente il massaggio veniva praticato sul corpo nudo del neonato, da cui oggi l’esigenza di praticarlo in un ambiente riscaldato o in estate. La stagione determina inoltre la scelta dell’olio utilizzato per far scorrere più dolcemente le mani della mamma (o l’impasto sopracitato): nella stagione calda si applica l’olio di cocco, in quella fredda l’olio di sesamo o di senape intiepiditi. In alternativa, e se il bimbo ha la pelle particolarmente delicata, si può usare l’olio alla calendula.

Lo Shantala viene praticato quando il bimbo è a stomaco vuoto e preferibilmente al mattino e/o alla sera. A questo seguirà un bagnetto caldo per completare l’effetto di rilassamento, scopo del trattamento.

La donna deve sedersi a terra ed allungare le gambe in avanti, sulle quali poserà il neonato, in modo che il contatto fisico sia completo: posare il bambino sul fasciatoio è sconsigliato in quanto il massaggio perderebbe il suo significato profondo. 

Si inizia a praticarlo già dai primi giorni di vita, continuando fino ad un anno o un anno e mezzo: dopo questo periodo la mamma può continuare ad accarezzare e massaggiare il proprio bambino con scopi soprattutto affettivi. Infatti lo Shantala e gli oli utilizzati nei primi mesi di vita contribuiscono a fortificare pelle, cuoio capelluto, schiena e articolazioni, che dopo 18 mesi possono dirsi già formate e solide. 

 

Il contatto di mamma e bambino risulta quindi essere fondamentale per entrambi gli individui: il neonato si sentirà protetto e al sicuro tra le coccole della madre, mentre quest’ultima, prendendosi cura del suo cucciolo, troverà la sua serenità e si sentirà appagata nel trasmettere il proprio amore.

Commenta
12/04/2011
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale