Home  
  
  
    Il palming che rilassa gli occhi
Cerca

Rilassamento
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il palming che rilassa gli occhi

Computer, telefono, televisione… Ogni settimana passiamo mediamente più di 30 ore davanti a uno schermo, sottoponendo così i nostri occhi a continui sforzi. Quando avverti formicolii agli occhi, inserisci il palming nel planning giornaliero!

Il palming che rilassa gli occhi
© Getty Images

Con la vita frenetica quotidiana, uno sport da combattimento permette di sfogarsi, lo yoga invece aiuta a rilassarsi. Ma non si pensa mai a far riposare gli occhi, che ne vedono di tutti i colori, da mattino a sera. Ce ne dimentichiamo, mentre basterebbero pochi minuti per ridare loro forza ed energia.

Lavoro al computer: non trascurare i tuoi occhi!

Capita spesso che, dopo una lunga giornata passata davanti al computer, gli occhi brucino. Ed ecco che arrivati a casa, ci si distende sul divano… per guardare la serie televiva preferita! Evidentemente per i nostri poveri occhi non è ancora giunto il momento di riposarsi. Le cifre parlano chiaro. Secondo un recente studio, il problema è molto frequente e si manifesta, con almeno un sintomo, nel 63% delle persone del nostro Paese, soprattutto donne. I sintomi di questa stanchezza oculare si traducono spesso in sensazioni di formicolio, di secchezza o ancora di tensione all’occhio. Queste sensazioni possono persistere anche dopo una buona nottata di sonno. In tal caso, è arrivata l’ora di mettere gli occhi a riposo, cambiando le nostre abitudini, se necessario. Prima di andare a dormire, una luce soffusa può aiutare i tuoi occhi a rilassarsi, anche se è molto difficile pensare di poterne utilizzare una di questo tipo a lavoro!
Ma allora, come preservare la vista durante la giornata, seduti in ufficio o in metro?

Il palming, così semplice!

Semplice e rapido, il metodo del palming permette di rilassare gli occhi in pochi minuti e con una mossa: basta mettere i palmi delle mani a coppa e appoggiarli agli occhi.
Il palming fu menzionato per la prima volta, nel 1920, in un libro (1) del Dottor Bates, oculista inglese. Il medico sperava in realtà di riuscire a guarire i difetti visivi dei suoi pazienti senza dover necessariamente ricorrere agli occhiali. Pensava che le persone affette da problemi oculari, come la miopia, nascondessero problemi di personalità, come ad esempio una grande ansia. Secondo lui, le difficoltà che queste persone incontravano nel rilassarsi, avevano un impatto diretto sul loro campo visivo. Ecco perché introdusse il palming come alternativa agli occhiali.
Da allora la tecnica è stata invalidata, per mancanza di prove scientifiche, i risultati erano basati solo su apprezzamenti di carattere puramente soggettivo.
Ciò nonostante, la maggior parte degli esercizi di questo metodo sono innocui e non hanno controindicazioni, salvo i casi in cui dissuadono i pazienti, affetti da seri problemi alla vista, dall’evitare di consultare in tempi rapidi uno specialista che possa prescrivere loro il trattamento più opportuno.
Il metodo del Dottor Bates oggi si riduce a tanti piccoli esercizi pensati per rilassare gli occhi. Si parla infatti di «yoga degli occhi».

1 Il palming che rilassa gli occhi - continua ►

Commenta
05/07/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale