Home  
  
  
    Aloe vera
Cerca

Fitoterapia
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Aloe vera

L'aloe viene usata in fitoterapia, dermatologia e in cosmetologia da seimila anni. Studi clinici hanno dimostrato l'efficacia delle sue proprietà terapeutiche nel trattamento di alcune malattie cutanee e di disturbi gastrointestinali. L'aloe costituisce inoltre un ottimo antiossidante per contrastare l'invecchiamento cellulare.

Aloe vera
© Getty Images

Tutti i nomi dell'aloe vera

Nome scientifico: Aloe vera, Aloe barbadensis

Nomi comuni: aloe, giglio del deserto

Nome inglese: Aloe vera

Classificazione botanica: famiglia delle Liliacee (Liliaceae)

Forme e preparati: gel, lattice, succo concentrato, capsule, lozioni, creme, bevande

Le proprietà terapeutiche dell'Aloe vera

Uso interno

Effetto ipoglicemizzante (diminuzione del tasso di glicemia nel sangue) ed effetto ipocolesterolizzante (abbassamento dei lipidi): gestione del diabete di tipo 2 e dell'ipercolesterolemia. Disturbi gastrointestinali: stitichezza occasionale, flatulenza.

Effetto antiossidante: contrasta l'invecchiamento cellulare. Altri: efficace contro stanchezza cronica, candidosi, gengiviti, parodontiti e stomatiti. Il suo gel riduce al minimo i rischi di infezione e vanta qualità nutrizionali eccellenti.

Uso esterno

Allevia le malattie della pelle: acne, eczema, psoriasi, scottature, ustioni, foruncoli, pruriti. Effetto analgesico leggero: dolori articolari, muscolari e nevralgici.

Indicazioni terapeutiche abituali

Per attenuare i problemi gastrointestinali, lenire la pelle disidratata, irritata o secca.

Indicazioni terapeutiche dimostrate

Nel caso del diabete, per il suo effetto ipoglicemizzante. Per curare la sindrome del colon irritabile e la stitichezza cronica.

La storia e l'utilizzo dell'Aloe vera in fitoterapia

Pare che l'Aloe vera sia originaria dell'Africa e di alcune isole nell'oceano Indiano. Il gel prodotto da questa pianta veniva già impiegato nell'antica Grecia e nell'antico Egitto per curare i problemi della pelle e la stitichezza. Per alcuni storici, gli spagnoli avrebbero importato le prime piante di aloe in America intorno al XVI secolo. Nel 1820, l'Aloe vera viene citata nella farmacopea ufficiale degli Stati Uniti e, nel 1935, un gruppo di medici americani fece ricorso a questa pianta nel trattamento delle ustioni da esposizione ai raggi X. Da quel momento, l'aloe vera ha suscitato un sempre maggior interesse in ogni parte del mondo.

La descrizione botanica dell'Aloe vera

Pianta della famiglia delle Liliacee, come l'asparago, il tulipano, il giglio, l'aglio e l'erba cipollina, l'Aloe vera appartiene alla famiglia di piante dei monocotiledoni. La pianta è alta 70 cm, con radici poco profonde, e produce fitte rosette di foglie triangolari, molto allungate, che presentano alcune spine lungo il margine interno; il colore è verde chiaro, e un sottile strato di pruina lo rende più o meno grigiastro. Forma un'infiorescenza caratterizzata da numerosi fiori gialli. Il fusto è pressoché assente. Si possono ottenere due sostanze dalla pianta: il lattice, estratto dalla parte esterna delle foglie, e il gel, una sostanza viscosa contenuta nella loro parte interna. Questa pianta cresce nei terreni calcarei e sabbiosi, in climi caldi e piuttosto secchi. Viene coltivata su scala industriale negli Stati Uniti, ai Caraibi, nelle Filippine e in Messico.

Parti utilizzate

Il gel e il lattice ottenuti dalla pianta trovano impiego in ambito fitoterapico e in naturopatia, mentre in dermatologia e in cosmetologia si utilizza esclusivamente il gel.

Principi attivi

  • Derivati antracenici della linfa: aloina, aloe-emodina, aloinosidi e idrossialoine.
  • Mono e polisaccaridi: cellulosa, mannosio, glucosio, aldopentosio e L-ramnosio.
  • Aminoacidi: aspartico, isoleucina, idrossiprolina, lisina, metionina, fenilalanina, teonina, valina, leucina (aminoacidi essenziali) e prolina, serina, tirosina, acido glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, istidina (aminoacidi secondari). Vitamine: A, B1, B2, B3, B6, B9, B12 e PP.
  • Minerali: calcio, rame, cromo, cloro, litio, ferro, manganese, magnesio, fosforo, sodio, potassio e zinco. Enzimi: catalasi, amilasi, lipasi, cellulasi, ossidasi e fosfatasi.
  • Altri elementi: aloenina, aloesina, acido cinnamico, resistanolo, lignina, acido crisofanico, saponine, oli volatili e colina.

Uso e posologia dell'Aloe vera

Dosaggio

- In gel: applicare l'Aloe vera in strati sottili direttamente sulla pelle.

- In succo: la dose massima per il consumo è di 50 ml al giorno.

- In capsule: la posologia raccomandata è compresa tra i 200 e i 300 mg al giorno.

Precauzioni d'uso dell'Aloe vera

Meglio prediligere le marche che non contengono aloina. Evitare l'esposizione al sole dopo un'applicazione di gel di Aloe vera sulla pelle, per il rischio di fotosensibilizzazione.

Controindicazioni

Il consumo del lattice della pianta è sconsigliato alle donne incinte, ai ragazzi e alle persone che soffrono di sindrome del colon irritabile, di ulcere e di problemi cardiaci o renali. Risulta inefficace su lesioni infette.

Effetti indesiderati

Se si utilizza il lattice di Aloe vera a dosi elevate o per un periodo di tempo prolungato, possono sopraggiungere crampi addominali e diarrea.

Interazioni con piante medicinali o integratori alimentari

Il gel e il lattice non devono essere assunti insieme a piante con effetto lassativo, ipoglicemizzante o ipercolesterolemizzante.

Interazioni con i farmaci

Evitare di assumere il lattice o il gel sotto forma di bevanda combinato con farmaci con effetto lassativo o che favoriscono l'abbassamento del tasso di zucchero e di colesterolo.

I benefici noti

A livello nutritivo, l'Aloe vera è un alleato efficace. Ottanta elementi dei 200 che la compongono sono nutrienti importanti per una salute ottimale (aminoacidi, vitamine, minerali, mono e polisaccaridi, enzimi). La presenza di colina favorisce il controllo del colesterolo, stimola un corretto funzionamento del fegato e partecipa al processo di memorizzazione. L'Aloe vera è particolarmente utile nella prevenzione o contro la stitichezza.

Il gel di aloe migliora lo stato delle pelli mature, poiché vanta proprietà di stimolazione biogena. Aumenta nell'ordine di 7 - 8 volte la produzione dei fibroblasti che creano il collagene umano. Idratante ed emolliente, lenisce la pelle irritata, scottata dal sole in superficie o la pelle molto secca.

Le avvertenze

Per quanto riguarda l'assunzione del gel di Aloe vera bevibile o del lattice, in forma liquida o in capsule, rispettare la posologia indicata sulle confezioni. In caso di dubbio, consultare il medico curante o il farmacista.

La ricerca sull'Aloe vera

Le ultime ricerche scientifiche hanno riguardato i gel e le creme a base di Aloe vera e sono state condotte in ambito dermatologico. Un altro studio riguardante l'azione del gel di Aloe vera sulle gengiviti non ha permesso di confermarne l'efficacia. Per di più, sono stati condotti altri studi clinici nell'ambito della cura del diabete, dell'herpes genitale e della stitichezza cronica. Alcuni risultati hanno indicato che un prodotto per uso topico contenente lo 0,5% di estratto di Aloe vera era risultato di gran lunga più efficace rispetto al placebo nel trattamento delle lesioni causate da herpes genitale.

Commenta
09/06/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale