Home  
  
  
    Bacopa
Cerca

Fitoterapia
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Bacopa

La bacopa monniera riduce le patologie a carico del sistema nervoso, quali nevralgie, epilessie o malattie mentali. Questa pianta allevia anche i disturbi digestivi (indigestione, ulcera, flatulenza, stipsi). Grazie alle sue proprietà toniche, la bacopa aiuterebbe anche in caso di disturbi sessuali (impotenza, eiaculazione precoce, sterilità). La bacopa è infine impiegata nella medicina ayurvedica per la cura della memoria.

Bacopa
© Getty Images

Tutti i nomi della bacopa

Nome scientifico: Bacopa monnieri

Nomi comuni: bacopa, issopo d'acqua, brahmi (nome in sanscrito)

Nomi inglesi: bacopa, Indian water hyssop

Classificazione botanica: famiglia delle Scrofulariacee (Scrophulariaceae)

Forme e preparati: capsule, compresse, decotti, fiale, estratti, oli, succhi, sciroppi, polveri.

Le proprietà terapeutiche della bacopa

Uso interno

Disturbi della memoria e della concentrazione. Disturbi gastrointestinali (flatulenza, indigestione, ulcera, stipsi). Malattie respiratorie (asma, bronchite). Disturbi sessuali (impotenza, eiaculazione precoce), sterilità. Disturbi del sonno. Nervosismo, ansia.

Uso esterno

Antidolorifico: dolori articolari (reumatismi). Contrasta la caduta dei capelli, la forfora e il prurito del cuoio capelluto. Disturbi del sonno (insonnia).

Le indicazioni terapeutiche abituali

Disturbi digestivi: indigestione, ulcera, flatulenza, stipsi.

Malattie respiratorie: asma, bronchite. Disturbi sessuali: impotenza, eiaculazione precoce. Problemi di sterilità.

Altre indicazioni terapeutiche dimostrate

Diversi studi condotti in India hanno evidenziato l'efficacia della bacopa nel miglioramento delle capacità cognitive e della memoria per contribuire alla cura dell'ansia e alla riduzione della frequenza delle crisi epilettiche in alcuni pazienti.

La storia dell'utilizzo della bacopa in fitoterapia

Pianta palustre, la bacopa è anche chiamata issopo d'acqua o brahmi. La bacopa cresce nelle regioni paludose dell'India, del Nepal, della Cina o dello Sri Lanka, ma anche in alcune aree degli Stati Uniti orientali, ad esempio in Florida. Può essere coltivata negli stagni e nelle torbiere. La bacopa, o brahmi, è largamente impiegata nell'ayurveda, la medicina tradizionale indiana, da quasi trenta secoli.

Il nome indiano di brahmi attribuito alla pianta deriva dal dio Brahma, il creatore delle divinità induiste. In India, la bacopa è riconosciuta nel trattamento delle malattie cerebrali, poiché per gli indù, il cervello è il vero centro dell'attività creatrice. Sempre in India, la bacopa viene utilizzata per la cura dei disturbi nervosi, della memoria, ma anche dei disturbi psicologici o mentali. In Cina, la bacopa è riconosciuta come tonico. Viene infatti prescritta per curare disturbi sessuali come l'impotenza o l'eiaculazione precoce.

La bacopa svolgerebbe un'azione curativa anche sulla sterilità. Per le sue proprietà antidolorifiche, è prescritta per il trattamento dei reumatismi e dei problemi articolari in genere. In Indonesia, la bacopa è indicata per il trattamento della filariosi, malattia particolarmente diffusa nei paesi tropicali e subtropicali, provocata da vermi nematodi appartenenti al genere Filaria.

A Cuba, la bacopa è impiegata come lassativo e diuretico, sotto forma di decotti ottenuti dalla pianta. Il succo di bacopa spremuto, mescolato all'olio, viene utilizzato nel trattamento dei dolori associati all'artrosi. Tradizionalmente, la foglia e gli steli di questa pianta venivano pressati per estrarne il succo. Essiccato al sole, il succo veniva poi ridotto in polvere e utilizzato come base per la preparazione di sciroppi, bibite rinfrescanti o pasta spalmabile.

Tuttavia, ciascuna di queste preparazioni era particolarmente zuccherata per mascherare il sapore amaro della bacopa. Per questo, oggi la bacopa è generalmente ridotta allo stato di estratto. La sostanza attiva della pianta ha un tenore compreso tra il 20 e il 55%.

La descrizione botanica della bacopa

La Bacopa monniera è una piantina che non supera i 20 - 25 cm di altezza. Pianta grassa perenne, pluriannuale e rampicante, la bacopa è formata da steli slanciati, carnosi e ramificati. Il fusto della Bacopa monniera, che si sviluppa generalmente sotto il livello dell'acqua, è carnoso, eretto e molto ramificato. Le sue foglie sono piccole, spesse e oblanceolate, di colorazione verde chiaro, disposte in modo opposto sul gambo. I fiori sono piccoli e bianchi, con quattro o cinque petali. La fioritura avviene nei mesi da aprile a settembre. Il frutto della bacopa è capsulare e ovoide. Poiché è una pianta che cresce nelle regioni tropicali e subtropicali, non sopporta il gelo.

La composizione della bacopa

Parti utilizzate

Le foglie di bacopa sono la parte utilizzata in fitoterapia.

Principi attivi

Flavonoidi: luteolina, apigenina. Saponina, cucurbitacine. Calcio, fosforo, ferro, acido ascorbico. Saponine triterpeniche; alcaloidi.

I bacosidi A e B agiscono aumentando la sintesi proteica nell'ippocampo, la parte del cervello associata alla memoria a lungo termine. I bacosidi A e B agiscono anche sulla trasmissione nervosa e svolgono funzioni antiossidanti, più specificamente a livello cerebrale (area della corteccia frontale e dell'ippocampo). Queste sostanze agirebbero aumentando la produzione di un messaggero: il monossido di azoto. La medicina indiana ha ufficialmente riconosciuto l'efficacia della bacopa.

Uso e posologia della bacopa

Dosaggio

La bacopa viene abitualmente impiegata nei preparati confezionati e standardizzati. Nella maggior parte dei casi, la bacopa si presenta sotto forma di polveri, di estratti o di olio. La dose giornaliera da rispettare è di 300 mg di estratto al giorno.

Sono disponibili anche dei preparati fatti in casa:

- Maschera ricostituente per capelli: aggiungere un cucchiaino da caffè di bacopa diluito con un po' di acqua calda alla maschera per capelli abituale per un effetto ricostituente.

- Olio di bacopa fatto in casa: per un cucchiaino da caffè di bacopa, versare un cucchiaio di acqua bollente. Lasciar riposare due ore. Mescolare il composto ottenuto aggiungendo circa 5 cucchiaini da caffè di olio. Filtrare, quindi riscaldare un'ultima volta a fuoco lento e versare in una bottiglia o un flacone, per uso giornaliero come olio per capelli o come olio per massaggio ayurvedico.

Precauzioni d'uso della bacopa

In genere, se assunta nelle dosi terapeutiche indicate, l'assunzione di bacopa non comporta prescrizioni particolari. Tuttavia, in caso di trattamento concomitante con farmaci neurolettici, di cui la bacopa può amplificare gli effetti, consultare il medico curante o il farmacista di fiducia.

Controindicazioni

Sconsigliata alle donne in gravidanza e durante l'allattamento. Non utilizzare in caso di congestione intestinale, enfisema, o di ostruzione urinaria.

Effetti indesiderati

Saltuariamente, la bacopa può causare secchezza delle fauci, nausea e stanchezza.

Interazioni con piante medicinali o integratori alimentari

Non sono state riferite interazioni note.

Interazioni con i farmaci

L'assunzione di bacopa può amplificare gli effetti prodotti dai farmaci neurolettici, ad esempio la fenotiazina.

Il parere medico

Benefici noti

La bacopa è utile per stimolare la memoria e le capacità cognitive. La pianta consente di alleviare i sintomi dell'intestino irritabile. La bacopa dimostra proprietà interessanti nel trattamento di disturbi neurologici o di convulsioni.

Avvertenza

Per ottenere gli effetti desiderati, senza rischi o effetti collaterali, prediligere il consumo di preparati confezionati, standardizzati, nei dosaggi giornalieri prescritti. Anche per i preparati fatti in casa, rispettare le dosi consigliate. Per precauzione, si raccomanda di consultare il medico curante o il proprio farmacista di fiducia.

La ricerca sulla bacopa

Diverse ricerche condotte in India hanno dimostrato che la bacopa è in grado di migliorare le capacità cognitive e la memoria nei bambini in buone condizioni di salute, ma anche nei soggetti che soffrono di disfunzione intellettiva, oltre che nei bambini affetti da deficit di attenzione e iperattività.

Tali ricerche hanno evidenziato risultati positivi sulla memoria a breve termine in soggetti adulti in buone condizioni di salute. I partecipanti hanno inoltre apprezzato una diminuzione dei livelli di ansia. Tuttavia, le ricerche dimostrano che la bacopa è efficace solo dopo diverse settimane di trattamento. Un altro studio, condotto negli anni '60, ha dimostrato che l'estratto alcolico di bacopa poteva concorrere a diminuire la frequenza delle crisi epilettiche in alcuni pazienti.

Commenta
10/07/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale