Home  
  
  
    Ginepro
Cerca

Fitoterapia
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Ginepro

Il ginepro comune (o ginepro) è noto per le sue proprietà diuretiche sin dall’antichità. Dioscoride, nel I secolo, indica che consente di curare i problemi urinari e combattere la tosse. Possiede proprietà antireumatiche, carminative, antisettiche, antifungine e antiossidanti. Il ginepro comune sotto forma di olio essenziale può essere diluito nella vasca da bagno. Le sue bacche sono molto apprezzate in cucina.

Ginepro
© Getty Images

Tutti i nomi del ginepro

Nome scientifico: Juniperus communis
Nomi comuni: ginepro, ginepro comune, ginepro rosso, ginepro ossicedro, ginepro rampicante, teriaca dei poveri
Nome inglese: common juniper
Classificazione botanica: famiglia delle cupressaceae (Cupressaceae)
Diverse forme e preparazioni: oli essenziali, tinture madri, macerazioni, polvere, decotti, infusioni, bacche essiccate

Proprietà mediche del ginepro

Utilizzo interno

Tonico digestivo e aperitivo, stimola l’intestino e favorisce l’eliminazione dei gas.

Diuretico grazie all’azione del terpinene-4-olo. Eupeptico e stomachico. Diuretico e depurativo: favorisce la distruzione dell’acido urico. Antidiabetico per aumento periferico del glucosio e potenziamento della secrezione d’insulina. Attività antimicotica. Il germoglio del ginepro è un rigeneratore epatocellulare, un disintossicante, un antinfiammatorio e un protettore renale. L’olio essenziale è un antinfiammatorio e un analgesico, un antiputrido intestinale e un drenante del tessuto sottocutaneo.

Utilizzo esterno

Antireumatico.

Indicazioni terapeutiche

Indicazioni terapeutiche abituali

Sfera digestiva: anoressia, dispepsia, inappetenza, digestione lenta, fermentazione intestinale.

Sfera urogenitale: infezioni urinarie, grazie alle sue bacche che aumentano il volume delle urine (cistiti, mestruazioni dolorose). Inappetenza e stati di affaticamento. Reumatismi, artrite: in applicazione locale, l’olio essenziale permette di alleviare i dolori muscolari e articolari. È utilizzato per l’artrosi e la gotta. Prevenzione e trattamento delle malattie infettive.

 

Altre indicazioni terapeutiche dimostrate

Obesità e cellulite. Parassiti esterni. Eczema e affezioni della pelle, acne, piaghe, trattamento dell’herpes o delle febbri labiali. Diminuzione della pressione arteriosa.

Riduzione del tasso di zucchero nel sangue. Malattie respiratorie, tosse. Nevralgie dentarie. 

Tutti i segreti del ginepro

Storia dell’uso del ginepro in fitoterapia

Il ginepro veniva utilizzato già nell’antichità: durante le epidemie di peste se ne bruciavano i rami. Dioscoride riteneva che le bacche di ginepro, in condimento, fossero efficaci contro i gonfiori addominali. Gli Indiani d’America utilizzavano il ginepro comune per combattere disturbi vari come il mal di stomaco, le malattie respiratorie o per accelerare un parto.

Descrizione botanica del ginepro

Il ginepro è un arbusto le cui dimensioni possono variare dai 50 cm ai 15 m di altezza. Il tronco è coperto da una corteccia grigia rugosa, le foglie sono aghi uncinati e sono rigide, di colore verde con una linea bianca leggermente azzurra. Sull’ascella delle foglie e sulle varie piantine crescono fiori giallini, molto piccoli, a grappoli. La fioritura avviene tra aprile e maggio. I frutti (o bacche di ginepro) sono coni carnosi e globulosi. Inizialmente sono verdi, poi diventano neri e olivastri. Solo allora sono commestibili. Contengono tre semi. 

Composizione del ginepro

Parti utilizzate

In fitoterapia, si utilizzano le bacche (o coni fruttiferi) e i germogli giovani. L’olio essenziale si estrae dai rami e dalle bacche.

Principi attivi

Olio essenziale, con oltre 60 componenti tra cui i monoterpeni, il mircene, il sabinene, il limonene. Terpineni (azione diuretica). Tannini e flavonoidi, bioflavonoidi, oligoproantocianidine. Diterpeni (junicedral). Principio amaro (juniperina). Acidi essenziali (proprietà antinfiammatorie). Zuccheri e resina.

Utilizzo e posologia del ginepro

Dosaggio

Il ginepro si utilizza in caso di dispepsia, acido gastrico, problemi di digestione, ma anche in caso di infiammazione delle vie urinarie e di calcoli urinari.

- Come decotto, per combattere i problemi urinari: 10 g di bacche in tre tazze di acqua bollente; lasciar sobbollire per venti minuti; filtrare e bere 2 o 3 tazze al giorno.

- In infusione: utilizzare 2 g di bacche secche da far bollire per venti minuti in 150 ml di acqua. Da consumare 2 o 3 volte al giorno, prima dei pasti, in caso di cattiva digestione.

- Per un effetto diuretico: per tre settimane masticare ogni giorno 5 bacche, poi 6, poi 7... fino a 15 bacche al giorno, per poi diminuire le dosi a 1 bacca al giorno. Assumere le bacche insieme ad almeno 2 litri di acqua al giorno.

- Come olio essenziale: antisettico delle vie urinarie in caso di infezione come la cistite. Come uso esterno, quest’olio consente di alleviare i dolori dovuti ai reumatismi e alle nevralgie. Funge da analgesico in caso di nefrite, sciatica o artrite. L’olio essenziale può essere diluito nella vasca da bagno, così come le bacche in polvere, per dare sollievo a dolori muscolari e articolari.

Come uso esterno, consente di favorire l’irrigazione della pelle. Applicare 2 o 3 gocce di olio essenziale sulla zona da trattare.

- L’olio essenziale si utilizza per combattere l’acne, le dermatiti o le psoriasi. Si raccomanda di massaggiare le zone interessate 2 volte al giorno fino a miglioramento dello stato della pelle. In questi casi, l’olio essenziale di ginepro può essere associato ad altri oli essenziali.

- Per contrastare la cellulite occorre massaggiare le zone interessate con 5 ml di olio essenziale di ginepro mescolati a 95 ml di olio di mandorle dolci.

Precauzioni di impiego del ginepro

I trattamenti a base di ginepro non vanno utilizzati in caso d’insufficienza renale. Il trattamento non deve superare mai le sei settimane senza aver chiesto prima il parere del medico. La dose quotidiana non deve essere superiore a 10 g di bacche.

Controindicazioni

Il ginepro è vietato in caso di malattie che riguardano i reni (nefrite, pielonefrite, insufficienza renale...). In caso d’infezione urinaria, si raccomanda di farsi seguire da un medico prima di utilizzare un trattamento a base di ginepro. Non va assunto durante gli attacchi di calcoli urinari, dalle donne incinte o che allattano, né in caso di mestruazioni abbondanti. Le bacche e l’olio essenziale sono sconsigliati nei bambini e ragazzi al di sotto dei 18 anni.

Effetti indesiderati

L’applicazione cutanea di olio essenziale di ginepro, in alcune persone, può provocare irritazioni locali. I trattamenti a base di ginepro non devono superare le quattro settimane; oltre, potrebbero comparire problemi quali dolori ai reni, difficoltà a urinare, addirittura presenza di sangue nelle urine). In caso di assunzione prolungata, le urine possono sprigionare un forte odore. Un sovradosaggio può provocare l’accelerazione del ritmo cardiaco, un aumento della pressione sanguigna e persino le convulsioni.

Interazioni con piante medicinali o integratori

Nessuna interazione conosciuta.

Interazioni con farmaci

Non si può seguire un trattamento a base di ginepro contemporaneamente a un trattamento contro il diabete. 

Parere medico

Benefici riconosciuti

Le proprietà diuretiche del ginepro sono dimostrate, così come la sua capacità di aiutare la digestione. L’assunzione di ginepro aumenta il volume delle urine. In applicazione locale, consente di alleviare i dolori muscolari e articolari.

Avvertenza

Qualunque sia l’effetto ricercato, un trattamento a base di ginepro deve essere limitato nel tempo ed è preferibile non superare le dosi quotidiane raccomandate.

La ricerca sul ginepro

Di recente sono stati condotti alcuni studi sugli effetti del ginepro nel trattamento del diabete. Le sue bacche permetterebbero infatti di diminuire il tasso di glucosio nel sangue.

Commenta
22/08/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale