Home  
  
  
    Iperico
Cerca

Fitoterapia
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Iperico

L'iperico è noto per i suoi effetti antidepressivi, anche se in passato era considerato una pianta magica, uno "scacciadiavoli". Da più di 2500 anni serve a scacciare la malinconia. L'iperico comune, o iperico officinale, è calmante ed efficace contro l'insonnia, per favorire un sonno rigeneratore, aiutare a eliminare la dipendenza dal fumo o guarire le piaghe.

Iperico
© Getty Images

Tutti i nomi dell'iperico

Nome scientifico: Hypericum perforatum
Nomi comuni: iperico mille buchi, perforata, erba di San Giovanni, erba dell'olio rosso
Nomi inglesi: balm of warrior, St John's wort, touch and deal, tipton's weed, rosin rose, goatweed, chase-devil, klamath weed
Classificazione botanica: clusiacee o ipericacee (Clusiaceae ou Hypericaceae)
Le varie forme e preparazioni: infusi, tinture madri, estratti fluidi, polveri, nebulizzanti, gellule, oli essenziali, estratti standardizzati, cataplasmi, creme.

Le proprietà medicinali dell'iperico

Uso interno
Proprietà astringenti, antisettiche, analgesiche, antinfiammatorie, antispasmodiche, sedative, ansiolitiche, antidepressive, antiossidanti, antivirali. 

Uso esterno
Cicatrizzante, antisettico, analgesico, antinfiammatorio.

Indicazioni terapeutiche

Trattamento delle depressioni lievi, dei disturbi psicosomatici, degli stati depressivi leggeri o stagionali, dell'ansia, dell'agitazione nervosa. Migliora la qualità del sonno e aiuta a contrastare l'insonnia. L'iperico contribuisce inoltre a ridurre lo stress e può essere utilizzato per calmare i disturbi ossessivi compulsivi. Attenua i dolori muscolari come i crampi e le nevralgie. Efficace per la cura delle contusioni, la cicatrizzazione delle piaghe e delle ustioni di primo grado.

Altre indicazioni terapeutiche dimostrate
Riduce sintomi  legati alla menopausa e alla sindrome premestruale, come le vampate di calore e le palpitazioni, e allevia il mal di denti.

Cenni storici sull'utilizzo dell'iperico in fitoterapia

Anticamente l'iperico officinale era utilizzato nella magia bianca ed era noto come erba scacciadiavoli, perché ritenuto in grado di allontanare gli spiriti maligni. Già 2500 anni fa era raccomandato per il trattamento della malinconia ma anche per curare le piaghe, le infezioni o le ustioni. L'iperico perforato, chiamato anche mille buchi, deve il suo nome al suo aspetto: in controluce, le foglie danno infatti l'impressione di essere perforate da innumerevoli buchi.

Descrizione botanica dell'iperico

L'iperico è una pianta perenne in grado di raggiungere i 90 cm di altezza (da 20 a 90 cm), che ama gli ambienti secchi e soleggiati. Il fusto è di un colore rossastro, con foglie ovali opposte a due a due. Ciò che assomiglia a dei piccoli buchi sono gli organi ghiandolari che contengono l'olio essenziale. I fiori sono pentameri (corolle di cinque petali), di color giallo brillante ed emanano un leggero profumo d'incenso. Se si spezza un fiore o lo stelo, fuoriesce una sostanza di colore rosso.Il frutto è una capsula che si apre nelle tre parti che la compongono.  

Composizione dell'iperico

Parti utilizzate
In fitoterapia si utilizzano le sommità fiorite e le foglie giovani.

Principi attivi
Ipericina (sostanza contenuta nei fiori e nei germogli che normalizza i neurotrasmettitori coinvolti nei cambiamenti d'umore); iperforina; tannini; olio essenziale; resina molle; acidi fenolici; flavonoidi; xantoni (con azione sedativa e antidepressiva). 
Nelle foglie e nel fusto: flavonoidi, antiossidanti, antispasmodici.

Utilizzo e posologia dell'iperico

Dosaggio
Si raccomanda di assumere le preparazioni a base di iperico durante i pasti, per evitare problemi gastrici. Per il trattamento della depressione, bisogna considerare due-quattro settimane perché gli effetti dell'iperico inizino a farsi sentire. Prima di iniziare un trattamento è importante consultare un medico.
- Estratto liquido: 1-2 ml tre volte al giorno per i dolori nevralgici, le piaghe dolorose delle mani, le ustioni di primo e secondo grado;
- Estratto standardizzato solido: 300 mg tre volte al giorno;
- Estratto standardizzato liquido: 0,5 à 0,9 ml tre volte al giorno;
- Tintura madre: 3-6 ml tre volte al giorno per i disturbi del sonno o le sindromi premestruali. In caso di depressione lieve si possono assumere fino a 50 gocce di tintura madre di pianta fresca tre volte al giorno.
Alcune preparazioni possono essere realizzate a casa:
- Infusione: mettere 2-4 g di fiori essiccati in 150 ml d'acqua bollente per 5-10 minuti. Bere tre volte al giorno per combattere i disturbi del sonno. 
- Olio di iperico: per i massaggi e i cataplasmi, per cicatrizzare le ferite e per il trattamento delle ustioni, utilizzare una parte di pianta secca per dieci parti di olio di oliva. Applicare questa preparazione sulle parti lese da una a tre volte al giorno. Con quest'olio  si possono anche effettuare massaggi per alleviare i crampi e le nevralgie.
Per i bambini  dai 6 ai 12 anni, il dosaggio deve essere dimezzato.

Precauzioni d'uso
Un trattamento base di iperico non deve essere interrotto bruscamente, ma è consigliabile ridurre progressivamente le dosi.

Controindicazioni
L'iperico non deve essere utilizzato dai soggetti che presentano disturbi bipolari.
La pianta è inoltre sconsigliata alle donne incinte o in allattamento e ai  bambini di età inferiore ai 6 anni. È controindicato esporsi al sole durante un trattamento a base di iperico, perché l'ipericina ha un effetto fotosensibilizzante. L'iperico va inoltre evitato in caso di problemi di fertilità, deficit dell'attenzione con iperattività, depressione grave, schizofrenia o malattia di Alzheimer.


Effetti indesiderati
Se viene assunto alle dosi raccomandate, l'iperico presenta pochi effetti indesiderati, ma è possibile che si verifichi un effetto di fotosensibilizzazione più o meno importante, lievi disturbi digestivi, una sensazione di affaticamento, disturbi del sonno e alcuni casi di allergia cutanea e secchezza delle fauci. 

Interazioni con piante medicinali o integratori
È sconsigliabile assumere l'iperico contemporaneamente al gingko, alla valeriana, al biancospino e alla passiflora; si raccomanda inoltre di non assumerlo insieme a integratori alimentari come il 5-HTP o la SAM-e.

Interazioni con i farmaci
L'iperico non deve essere usato contemporaneamente a un contraccettivo orale ed è caldamente sconsigliata l'assunzione concomitante di anticoagulanti e ciclosporina, in caso di trattamento contro il virus HIV, di digossina, teofillina, carbamazepina, fenitoina, di antidepressivi, inibitori della ricaptazione della serotonina, gli antiemicranici appartenenti alla famiglia dei triptani.  

Il parere del medico

I benefici riconosciuti
L'iperico ha un reale effetto benefico sulla depressione lieve, l'ansia leggera o l'insonnia; non provoca dipendenza ma presenta interazioni con numerosi farmaci: se stai seguendo un trattamento, non assumere iperico senza aver prima consultato il medico.

Avvertenza
L'iperico presenta elevati rischi di interazione con altre piante, integratori alimentari o farmaci: è per questa ragione che è caldamente raccomandato di consultare il medico prima di iniziare un trattamento a base di questa pianta. 

La ricerca sull'iperico

Attualmente in Europa e in America settentrionale esistono numerose ricerche condotte sull'iperico con l'obiettivo di trovare una molecola originale e attiva. Queste ricerche hanno come oggetto tutti i composti della pianta.

Fonti: P. Benkimoun, Les mille et une petites vertus antidépressives du millepertuis (Le innumerevoli proprietà antidepressive dell'iperico), Le Monde, décembre 1999 - Grau, Jung, B. Munker, Les plantes et baies sauvages comestibles et médicinales (Le piante e le bacche selvatiche commestibili e medicinali), Munich, éditions Mosaik Verlag, 1983 - Agence nationale du médicament et des produits de santé, Liste des médicaments de médication officinale à base de plantes (Lista dei farmaci di medicazione officinale a base di piante), 2012.

Commenta
31/07/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale