Home  
  
  
    La biokinergia, una nuova medicina alternativa
Cerca

Nuove terapie
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Dolori dorsali, stanchezza, nausea... e se provassi la biokinergia?

Ne hai abbastanza del mal di schiena? Delle continue infezioni urinarie? E se provassi la biokinergia? Unendo i trattamenti manuali dell’osteopatia, della fisioterapia e della medicina cinese, questo metodo di medicina alternativa, che comincia a diffondersi ora in Francia ma ancora poco conosciuta altrove, promette di allentare con dolcezza tutte le tue tensioni.

La biokinergia, una nuova medicina alternativa
© Getty Images

Relativamente recente e ancora piuttosto ufficiosa, la biokinergia è una terapia manuale in pieno sviluppo. L’abbiamo provata durante una seduta di Marc Massoteau, presidente dell’associazione francese degli esperti di biokinergia1,2.

Che cos’è la biokinergia?

Creata nel 1983 a Tours, in Francia, dal francese Michel Lidoreau, etimologicamente “biokinergia” significa vita (bio), movimento (kiné) ed energia (energia). Si tratta di una tecnica che mette insieme trattamenti manuali molto dolci eseguiti da fisioterapisti, medici, osteopati e anche dentisti con una formazione specifica di 4 anni3, oltre al loro normale corso di studi. È dunque praticata esclusivamente da professionisti, conquistati da questo tipo di approccio globale che si concentra sui sintomi, ma soprattutto sulla loro causa.

Biokinergia: come funziona?

Partendo dal presupposto secondo il quale una patologia è il risultato dell’accumulo di una moltitudine di piccoli squilibri, il professionista di biokinergia cerca di riportare l’organismo alla sua massima capacità, agendo attraverso mobilitazioni e pressioni dolci concentrate sui punti di tensione tissutale (i punti di avvolgimento).

Il punto di agopuntura viene stimolato, il muscolo disteso e la mobilità dell’osso liberata. Togliere queste tensioni libera il sangue e l’influsso nervoso, che possono nuovamente circolare in modo normale. Con un solo gesto, la biokinergia consente di trattare contemporaneamente i problemi muscolari, i disordini articolari e gli squilibri energetici.

Quali sono le indicazioni della biokinergia?

La biokinergia non ha la pretesa di curare patologie pesanti che necessitano di trattamenti medici, farmacologici o chirurgici. Ma è perfettamente indicata per tutti quei malesseri quotidiani – per i quali non è stata identificata nessuna causa organica – che rovinano la vita di milioni di persone: gambe pesanti, mal di schiena, mestruazioni dolorose, stress, stanchezza, ma anche mal di testa cronici, disturbi digestivi, insonnia.

Come si svolge una seduta di biokinergia?

La seduta di biokinergia inizia con un questionario approfondito sullo stato di salute del paziente e sulle ragioni che lo hanno portato a consultare lo specialista, dopodiché quest’ultimo osserva la sua posizione e redige un bilancio di partenza per le cure. In seguito, la persona si stende sul lettino da massaggio e riceve i trattamenti: sono molto delicati e consistono fondamentalmente in leggere pressioni sui punti dell’agopuntura, associati a massaggi circolari delle zone di tensione. Una seduta dura tra i 45 e i 60 minuti.

Chi può trarne beneficio?

La biokinergia va bene per tutti, dal neonato alla persona anziana. Questo approccio non prevede alcun limite d’età.

Una donna incinta può sottoporsi a sedute di biokinergia?

La gravidanza, con tutti i suoi malesseri più o meno difficili da sopportare, non rappresenta una controindicazione; è anzi un periodo particolarmente indicato per la biokinergia. Nausea, dolori dorsali, stanchezza, ma anche infezioni alle vie urinarie, emorroidi, micosi vaginali, e persino un cattivo posizionamento del bambino (posizione podalica), possono trovare sollievo con sedute di biokinergia che, eliminando le tensioni e distendendo i muscoli, riequilibreranno gli scambi energetici dell’organismo.

Quante sedute occorrono per avere i primi risultati?

I blocchi più recenti possono essere eliminati già in una sola seduta. Il lavoro di riequilibrio eseguito dallo specialista, infatti, prosegue anche nei giorni e nelle settimane successive alla visita. Tuttavia, può succedere che alcuni problemi legati a tensioni di vecchia data richiedano più sedute prima di venirne a capo. In questo caso occorre aspettare dalle 3 settimane a un mese.

Qual è il costo di una seduta di biokinergia?

Il costo di una seduta varia in media dai 60 agli 80 €.

La Francia è l’unico paese al mondo a praticare la biokinergia?

No, esistono specialisti anche in Canada, Belgio e Svizzera.

Concretamente, funziona? – La testimonianza di Cristina

Arrivata con vari malesseri principalmente legati allo stress (dolori dorsali, digestione lenta, rigidità della nuca, bruxismo...), ne sono uscita sentendomi distesa e molto “leggera”. La seduta ha rilassato i miei punti di tensione più dolorosi, ma, poiché erano molto vecchi, occorreranno ancora varie sedute per eliminarli definitivamente. Rispetto a una seduta di osteopatia, direi che questo tipo di approccio più globale, che considera il corpo nel suo insieme e applica i principi della medicina cinese, mi ha convinta.

Amélie Pelletier

 

Fonti:

  1. Conversazione con Marc Massoteau, presidente dell’associazione internazionale degli specialisti di biokinergia, 28 novembre 2013.
  2. Per trovare uno specialista, consulta l’annuario dell’associazione.
  3. La formazione in biokinergia è fornita dal Centre d’Enseignement et de Recherche en Biokinergie o dal Centre Dentaire Biokinergétique (Francia).
Commenta
05/02/2014
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Benessere

Test consigliato

Semplice mal di testa o emicrania?

Test salute

Quiz - Mal di testa o emicrania?

BMI calcolo
Calcola la tua massa grassa
Calcola la tuo peso ideale